LogoPdTLineareNEWVERSION
LogoPdTLineareNEWVERSION

Privacy Policy

Cookie Policy

Tutti i diritti relativi a testi e fotografie presenti su questo sito appartengono a www.prendiamocideltempo.it, nella persona di Vincenzo Schinella. E’ proibita la riproduzione, anche parziale, in ogni forma o mezzo, nonché la pubblicazione o la redistribuzione di testi, contenuti e fotografie senza esplicito permesso dell’autore. Copyright Prendiamoci del Tempo© 2018- 2020. Created by Vincenzo Schinella. All Rights Reserved.​

Gattò (o gateau) di patate

10-01-2021 23:00

Prendiamoci del Tempo

Cucina, Secondi, Piatti tipici regionali, piatti tradizionali, secondi, cucina, prendiamoci del tempo, prendiamocideltempo, piatti tipici regionali, ricette tradizionali, gattò, gattò di patate, geteau di patate,

Gattò (o gateau) di patate

Il Gattò di patate è una roba omnicomprensiva, a mio giudizio: tiene dentro una sorta di intrinseca sostanza onomatopeica, come pochi piatti al mondo...

76gattdipatate-1606930687.jpeg

Il Gattò di patate è una roba omnicomprensiva, a mio giudizio: tiene dentro una sorta di intrinseca sostanza onomatopeica, come pochi piatti al mondo!

Provate a ripeterlo assieme a me, immaginandovi per un attimo terroni; sfogatevi su quell'accento, scaricateci dentro tutta la forza che avete.

"Cosa si mangia stasera?!"

" G-A-T-T-O' "

E cosa ci sarebbe da aggiungere, alla parola Gattò, per spiegarne il significato!? Null'altro! Gattò basta, avanza, e ne soverchia! 

Poi, se siete dei freddi vichinghi, degli insensibili abitanti di terre ghiacciate, potreste sempre chiamarlo Gateau di patate. 

Ma una cosa è il Gateau di patate, altra cosa è il Gattò della mamma!!

E' una pietanza che deve saziare prima i sensi e poi la panza; è ciò che ogni madre o nonna del Sud Italia, ti preparerebbe se dovesse rinfrancarti da una lunga giornata faticosa o da un periodo di stenti alimentari.

Una volta, mia cugina fece una sua versione di gattò, simil vegana. Mio zio, seduto a tavola la guardò con quell'affetto e quella tenerezza che solo un genitore può esprimere e le chiese: 'Ma la martatella nc'è!?... no... pecchì... senza martatella... chi gattò è...?!'

Credo non ci sia bisogna di tradurla e io, ancora oggi, rido come un matto pensando a questa scena iconica da avanguardia culinaria!!!

Io lo faccio secondo le rigide regole imparate da mamma: l'abbondanza e la ricchezza degli ingredienti, mortadella compresa, a farla da padrona assoluta con dosi buoni per un esercito ma che, una volta che lo assaggi, per il giorno dopo è difficile che ne rimanga.


Il Piatto

 

Difficoltà: bassa

Preparazione: 40 minuti (più il tempo di cottura delle patate)

Cottura: in pentola e in teglia, sul fuoco e in forno

Dosi: per 4 persone

Costo: basso


Ingredienti

 

  • 1.8kg di patate
  • 150ml di latte intero
  • 40gr i burro
  • 100gr di Parmigiano Reggiano
  • 120gr di mortadella
  • 120gr di prosciutto cotto
  • 5 uova
  • 200gr di provola
  • Pangrattato q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio evo q.b.

Realizzazione

 

Iniziate dalle patate: mettetele in una pentola con abbondante acqua, e fatele lessare, intere e con la buccia.

Lessate anche tre uova

 

Una volta che le patate saranno cotte, scolate e fatele freddare.

Spellatele schiacciatele con l'aiuto dello schiacciapatate versandole, mano a mano, in una ciotola molto capiente. Aggiungete il latte nel quale avrete fatto sciogliere il burro, e le due uova rimanenti, il parmigiano, il sale e un pizzico di pepe nero.

Mescolate tutti gli ingredienti sino ad ottenere un composto omogeneo e liscio.

Tritate in modo grossolano la mortadella e il prosciutto cotto e andate ad aggiungerli all'impasto, mescolandoli. 

 

Preparate una teglia per dosi da 6 persone e versateci dell'olio evo sul fondo.

Si, si, si.

Lo so che in ricetta c'è scritto per 4 persone ma in terronia, il gattò per 4 persone si fa in una teglia per 6 ... ché se poi uno vuole il bis, deve elemosinarlo?! GIAMMAI!

 

Ungetevi le mani per evitare che il composto di patate vi si attacchi alle dita e disponetene circa 2/3 sul fondo della teglia, livellandolo omogeneamente e cercando di creare un piccolo bordo rialzato in prossimità dei bordi della teglia: questo eviterà che, durante la cottura, la scamorza sbordi, andando a finire sulla teglia bruciandosi

Quindi, sgusciate le uova sode e tagliatele a rondelle: disponetele più o meno omongeneamente sull'impasto intervallandole alla provola a pezzi.

Ricoprite con il composto rimasto e livellatene per bene la superficie.

Cospargete di pangrattato, versateci un giro generoso di olio evo ed infornate in forno ventilato preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti più altri 5 minuti di cottura col solo grill per rendere croccante la panatura.

 

Io vi dico, a questo punto, come lo mangio io... lo preparo sempre il giorno prima perché secondo me, a parte un taglio esteticamente più bello, i sapori si amalgamano alla perfezione: basterà scaldarlo lievemente sino ad intiepidirlo poco prima di mangiarlo.

Se poi c'aveste fame ed impazienza, mangiatelo pure mezz'ora dopo averlo sfornato.

In ogni caso...buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Cosa aspetti: commenta!!!

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder