LogoPdTLineareNEWVERSION
LogoPdTLineareNEWVERSION

Privacy Policy

Cookie Policy

Tutti i diritti relativi a testi e fotografie presenti su questo sito appartengono a www.prendiamocideltempo.it, nella persona di Vincenzo Schinella. E’ proibita la riproduzione, anche parziale, in ogni forma o mezzo, nonché la pubblicazione o la redistribuzione di testi, contenuti e fotografie senza esplicito permesso dell’autore. Copyright Prendiamoci del Tempo© 2018- 2020. Created by Vincenzo Schinella. All Rights Reserved.​

prendiamocideltempo.it

Il Tempo e i Bonsai

Racconti, Attività, prendiamoci del tempo, prendiamocideltempo, racconti, bonsai, attività, tokonoma, arte bonsai, tempo e bonsai, arti giapponesi, giappone,

Il Tempo e i Bonsai

Riscoprire la lentezza della natura

0006il-bonsai-e-il-tempo-1587074422.jpg

Un Bonsai nel Tokonoma (nicchia espositiva). Foto, soggetti e spazio espositivo di Edoardo Rossi, bonsaista e titolare di una scuola per lo studio del bonsai, del suiseki e della cultura giapponese.


Nessuna arte, meglio di quella del Bonsai esprime l'invito e consente in pieno di riappropiarsi di una dimensione temporale lenta e cadenzata sui ritmi della natura, lontana dai ritmi frenetici del quotidiano. Prendiamoci del Tempo per capire quale rapporto ci sia tra l'antica arte del Bonsai e il Tempo


È meglio viaggiare bene piuttosto che arrivare - Buddha (Siddhartha Gautama)


Nato in Cina ma sviluppatosi completamente in Giappone, il Bonsai (盆栽: da “bon” - vassoio o vaso - e “sai” - prendersi cura, coltivare -) non è banalmente un piccolo albero che riproduce le fattezze dei suoi fratelli in natura, bensì una porta ad un mondo emozionale che soltanto attraverso la natura è possibile provare.

Ancor più rispetto alle altre arti tradizionali nipponiche, quella del bonsai è strettamente legata alla dimensione temporale; essendo un essere vegetale vivente, è in continuo divenire, tanto da essere tramandato di padre in figlio, di generazione e generazione.

Il concetto tempo è completamente diverso rispetto al nostro comune (ed occidentale) modo di misurarlo e viverlo. Stupirà sapere che il tradizionale calendario giapponese si basa su ben 72 stagioni, in pratica una continua successione di micro-stagioni della durata di circa 5 giorni. Da un calendario così fatto è facile comprendere come il popolo giapponese dia importanza anche a quei piccoli ma grandi cambiamenti che accompagnano il ciclico mutare del tempo.

Il bonsai diviene così l’essere che maggiormente incarna lo spirito stesso del tempo. Il mutare delle stagioni si mostra in tutto il suo splendore attraverso questo piccolo albero che ne svela tutte le evoluzioni, in un continuum temporale potenzialmente senza fine. Il #bonsaista diventa il guardiano di questo essere eterno indomabile, che risponde soltanto al mutare stagionale.

Per quanto lo si voglia, l’uomo non potrà svincolarsi dalle tempistiche a cui il bonsai è legato, ed è in questo (iniziale) senso di impotenza che l’uomo, finalmente liberato dal freddo orologio, può iniziare ad apprezzare il lento scorrere del tempo, e con esso, reimpostare il proprio ritmo interno su quello della #natura entrando nuovamente in armonia con essa. Nel rapporto uomo-albero, il bonsaista ne esce completamente ridimensionato, visto che la longevità del bonsai relativizza la durata limitata della vita umana. Nel suo approccio quotidiano con il bonsai, ciò che assume concreta importanza è il qui ed ora, senza essere triturati della fretta, dalle angosce e dai ritmi frenetici e senza senso del quotidiano.

Il bonsai ci insegna a vivere il presente senza rincorrere l’illusione del futuro, mostrandoci che è solo ciò che facciamo oggi che costruisce il domani.

Nel momento stesso che si comprende che il bonsai è un eterno incompiuto, ci si libera dall’incubo del tempo tiranno, del raggiungimento del risultato ad ogni costo, e si ritorna ad apprezzare ciò che ci circonda con cuore semplice e volto all’essenziale.


Autore: Carlo Scafuri, Presidente del Napoli Bonsai Club, fotografo naturalista e cultore di arti tradizionali giapponesi