LogoPdTLineareNEWVERSION
LogoPdTLineareNEWVERSION

Privacy Policy

Cookie Policy

Tutti i diritti relativi a testi e fotografie presenti su questo sito appartengono a www.prendiamocideltempo.it, nella persona di Vincenzo Schinella. E’ proibita la riproduzione, anche parziale, in ogni forma o mezzo, nonché la pubblicazione o la redistribuzione di testi, contenuti e fotografie senza esplicito permesso dell’autore. Copyright Prendiamoci del Tempo© 2018- 2020. Created by Vincenzo Schinella. All Rights Reserved.​

prendiamocideltempo.it

Mozzarelle in carrozza

Cucina, Antipasti, Piatti tipici regionali, piatti tradizionali, frittura, fritto, antipasti, cucina, prendiamoci del tempo, prendiamocideltempo, piatti tipici regionali, mozzarella di bufala, mozzarella in carrozza, mozzarelle in carrozza, piatti campani, cucina di recupero,

Mozzarelle in carrozza

Cuore filante, pelle croccante. Credo basti!

040mozzarelle-in-carrozzaa-1587568547.jpg

Mozzarelle in carrozza. Bocconcini croccanti e con un cuore filante. Ma voi sapete perché si chiamano così?! Le versioni sono molte, ma quella più accreditata vuole che il loro nome derivi dalle redini delle antiche carrozze partenopee che pare di tenere in mano una volta spezzato a metà uno di questi dorati triangolini! Tra l'altro, a tali carrozze era anticamente legato il trasporto dele mozzarelle stesse utilizzate per questa ricetta di recupero: mozzarelle, rigorosamente di bufala! Potrete utilizzare le mozzarelle in carrozza come aperitivo o come antipasto: l'importante è servire le mozzarelle ben calde per gustarle al meglio!


Il Piatto

 

Difficoltà: bassa

Preparazione: 20 minuti + 60 minuti di riposo in frigo

Cottura: in padella, sul fuoco

Dosi: per 4 persone

Costo: basso


Ingredienti

 

  • 6 fette di pane in cassetta
  • 1 mozzarella di bufala, meglio se del giorno prima
  • 5 uova intere
  • Pangrattato q.b.
  • Farina 00 q.b.
  • Olio di semi di arachidi q.b.
  • Sale q.b.

Realizzazione

 

Come prima cosa, munitevi di carta assorbente.

Affettate, quindi la mozzarella, e asciugatela con la carta: dovrà essere ben asciutta per evitare che inzuppi il pane compromettendo così la riuscita della ricetta. Per questo motivo, sarebbe meglio se la mozarella fosse del giorno prima e fatta scolare in frigorifero per una notte intera!

Rompete tre uova in una terrina, salateli e sbatteteli lievemente senza montarli. In un'altra terrina versate la farina00; in un'altra, infine, il pangrattato che regolerete di sale.

 

A questo punto, prendete una fetta di pane, adagiatevi sopra la mozzarella e coprite con un'altra fetta di pane.

 

Aiutandovi col palmo della mano, schiacciate il sandwich affinché si compatti.

Ora, utilizzando un coltello affilato e a lama liscia, rifilate il pane eliminando la crosta esterna: questa operazione, fatta con un taglio dall'alto verso il basso, aiuterà i bordi a sigillarsi.

 

Tagliate quindi nel verso delle due diagonali il sandwich per ricavarne quattro triangoli e procedete in questo modo utilizzando tutte le fette di pane.

 

Occupiamoci, ora alla panatura. Passate i triangoli nella farina, poi nell'uovo e, infine nel pangrattato: poneteli man mano su un vassoio. Finito di formare e panare tutti i sandwich, poneteli in frigo per almeno un'ora e, comunque, fino a quando non sarà il momento di friggerli.

040mozzarelle-in-carrozzab-1587569531.jpg

Trascorso il tempo necessario, mettete a scaldare l'olio in padella profonda.

 

Nel frattempo, rompete due uova in una terrina e, in un'altra, versateci del pangrattato.

Andrete a rafforzare i bordi dei triangoli di pane per evitare che la mozzarella fuoriesca in cottura: un piccolo segreto che vi assicurerà la riuscita del piatto!!! Tirate fuori dal frigo le mozzarelle in carrozza e passate i lati prima nell'uovo e poi nel pangrattato.

 

Quando l'olio sarà ben caldo, friggetele poche per volta: sono fredde e, tuffarne tante nell'olio, ne farà abbassare la temperatura compromettendo il risultato finale.

Scolatele quando saranno ben dorate (basteranno circa 30 secondi se la temperatura dell'olio è ottimale) e ponetele su della carta assorbente.

Servite calde e...buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Cosa aspetti: commenta!!!