LogoPdTLineareNEWVERSION
LogoPdTLineareNEWVERSION

Privacy Policy

Cookie Policy

Tutti i diritti relativi a testi e fotografie presenti su questo sito appartengono a www.prendiamocideltempo.it, nella persona di Vincenzo Schinella. E’ proibita la riproduzione, anche parziale, in ogni forma o mezzo, nonché la pubblicazione o la redistribuzione di testi, contenuti e fotografie senza esplicito permesso dell’autore. Copyright Prendiamoci del Tempo© 2018- 2020. Created by Vincenzo Schinella. All Rights Reserved.​

prendiamocideltempo.it

Fegato alla veneziana

Cucina, Secondi, Piatti tipici regionali, piatti tradizionali, secondi, cucina, prendiamoci del tempo, prendiamocideltempo, piatti tipici regionali, tradizioni, ricette tradizionali, cipolla rossa di tropea, cipolla calabrese, cipolla, piatti della tradizione, cucina semplice, menta, fegato alla veneziana, fegato, figà àea Venessiana, slowcooking, piatti veneti, cucina veneta,

Fegato alla veneziana

Questa mia ricetta parla anche delle mie radici: e non perché io sia veneto ma perché mio nonno lo preparava così!

144fegato-alla-veneziana-1589989736.jpeg

Questa mia ricetta parla anche delle mie radici: e non perché io sia veneto ma perché mio nonno, che di certo non sapeva come diavolo cuocessero il fegato nella Serenissima, preparava proprio così il miglior fegato che io abbia ai assaggiato!

Lui partiva lento, calmo, serafico affettando chili di cipolle visto che lo preparava per tutta la famiglia. Pentolone in alluminio, olio d'oliva dimenticandosi che lo stava versando e poi sul fuoco, quello più piccino. Era un rito lento anche questo, grazie al quale prendersi del tempo dedicandolo meticolosamente a preparare la leccornia preferita da figli e nipoti. E poi ricordo l'aceto e la menta a fine cottura: ma quanto ne metteva!?! Alla fine era tutto una crema, avvolgente e densa. Coincidenze della vita, ho scoperto che il fegato alla veneziana era anche il piatto preferito di mio suocero, nonostante i due non si siano mai conosciuti. Una volta, di soppiatto e senza farsi sentire da moglie e figlia, mi chiese se sapessi cuocere il fegato. Gli dissi che ci avrei provato: gli piacque così tanto che divenne il nostro appuntamento fisso di ogni primo giovedì del mese.

Dopo questo racconto, spero che i miei amici veneti perdoneranno le licenze della mia versione: usare la cipolla rossa di Tropea al posto della bianca di Chioggia e allungare la cottura a dismisura!


Il Piatto

 

Difficoltà: bassa

Preparazione: 3 ore

Cottura: In pentola, sul fuoco

Dosi: 4 persone 

Costo: basso 


Ingredienti

 

  • 600 gr di fegato di maiale
  • 1kg di cipolla rossa di Tropea
  • Olio E.V.O. q.b.
  • 30ml di aceto di vino rosso
  • Sale q.b.
  • Menta fresca q.b.

Come prima cosa, iniziate a pelare le cipolle e tagliate e a rondelle sottili. Non lamentatevi delle lacrime che verserete: nonno ne pelava e ne tagliava tre volte tanto e nel frattempo parlavamo di mille cose senza mai un lamento per gli occhi che bruciacchiavano!

Se avete un tegame di coccio, tiratelo fuori! Altrimenti, anche una pentola in acciaio va bene... ma il coccio sarebbe meglio: insomma, ci siamo capiti!

 

Coprite completamente il fondo con l'olio evo e aggiungete le cipolle. Coprite con il coperchio e fate andare a fiamma bassissima sino a consumarle per bene: ci vorranno un paio d'ore. 

Controllate di tanto in tanto la cottura e, se necessario, aggiungete un filo d'acqua per evitare che si attacchino e bucino.

 

Lavate per bene il fegato (nonno lo faceva!) e tagliatelo a pezzettoni.

Quando le cipolle saranno ben consumate, aggiungete il fegato e regolate di sale. Coprite e fatelo cuocere per almeno 30 minuti mescolando di tanto in tanto.

 

Prima di ultimare, irrorate con l'aceto alzando la fiamma per farlo evaporare per bene e aggiungete, una volta spento, tantissima menta fresca sepzzata a mano.

 

Servite tiepido e... buon appetito!