logopdtlinearenewversion
logopdtlinearenewversion

Cookie Policy

Privacy Policy

Tutti i diritti relativi a testi e fotografie presenti su questo sito appartengono a www.prendiamocideltempo.it, nella persona di Vincenzo Schinella. E’ proibita la riproduzione, anche parziale, in ogni forma o mezzo, nonché la pubblicazione o la redistribuzione di testi, contenuti e fotografie senza esplicito permesso dell’autore. Copyright Prendiamoci del Tempo© 2018- 2020. Created by Vincenzo Schinella. All Rights Reserved.​

Risotto ai funghi porcini

31-10-2021 01:00

Prendiamoci del Tempo

Primi, Comfort food, primi, cucina, prendiamoci del tempo, prendiamocideltempo, primi piatti, risotto, riso, piatti autunnali, funghi, funghi porcini, risotto ai funghi porcini,

Risotto ai funghi porcini

Autunno, pioggia, domenica, risotto con funghi porcini. Ora vi racconto una cosa di me. Io, le cose che vedo in giro, abusate, stra-abusate e troppo spesso...

207risottoaiporcini-1634059738.jpg

Autunno, pioggia, domenica, risotto con funghi porcini.

Ora vi racconto una cosa di me.

Io, le cose che vedo in giro, abusate, stra-abusate e troppo spesso maltrattate, non riesco a postarle sul mio blog.

Arriva il periodo della zucca?! Madooooonna! Zucche ovunque, risotti, teglie piene di fette con tutte le scorze, vellutate, pasticci, robe immangiabili il più delle volte, ma comunque presenti ovunque!

Ed io che, seppur prima mi armo di buoni propositi, finisco poi con il subire un effetto di repulsione abnorme e quindi, pur avendo magari già fotografato il piatto, non lo posto!

Ovviamente, ma io adoro sottolineare l'ovvio, nel mio caso non si tratterebbe di vellutate!!!

Idem per il risotto ai funghi porcini. Ogni anno, decine di migliaia di risotti con i funghi porcini. E io che lo adoro, anche perché mi ricorda i maglioni spessissimi anni 80, tanto tanto brutti ma tanto tanto confortevoli e avvolgenti e caldi, mi ricorda la legna scoppiettante nel camino accesso ancora per le prime volte, mi ricorda il tintinnio delle posate con la voce di Federico Fazzuoli nel suo 'Linea Verde' in sottofondo, mi ricorda il sottobosco delle mie montagne, le Serre calabresi...ecco, nonostante tutto questo, non l'ho mai postato!!!

Siete passibili di denuncia, voi tutti che m'avete tarpato le ali con le vostre maree di post!

Ma quest'anno no! M'ha detto bene, quest'anno: ancora non ho visto un risotto che sia uno, con i porcini!!!

Quindi ne approfitto ritirandomi, poi, in ascetico raccoglimento per evitare di vederne altri e trovarmi costretto ad eliminare il post!


Il Piatto

Difficoltà: bassa

Preparazione: 60 minuti

Cottura: In padella e in tegame, sul fuoco

Dosi: 4 persone

Costo: basso


Ingredienti

  • 350gr di riso
  • 2 porcini di medie dimensioni
  • Una manciata di funghi porcini secchi
  • Mezza cipolla rossa
  • Un gambo di sedano
  • Una carota
  • Mezzo bicchiere di vino rosso
  • Uno spicchio d'aglio
  • Un rametto di rosmarino
  • Una noce di burro
  • Una manciata di Parmigiano Reggiano
  • Olio E.V.O. q.b.
  • Pepe nero q.b
  • Sale q.b.

Realizzazione

Una mezz'oretta prima di iniziare a cuocere il riso, prepariamo il brodo vegetale versando in una pentola un litro e mezzo di acqua in cui aggiungerete il sedano, mezza cipolla, la carota e del sale: portate a bollore e lasciate andare almeno una ventina di minuti.

 

Prelevate un mestolo di brodo vegetale e versatelo, bollente, in una terrina: aggiungete i funghi secchi e fateli rinvenire.

Nel frattempo, pensiamo ai porcini.

Puliamoli dai residui di terra SENZA LAVARLI sotto acqua corrente: un pennello a setole rigide e si va di pazienza. Una volta finito, tamponateli delicatamente con della carta assorbente imbevuta d'acqua.

Tagliamo i gambi a tocchetti: le cappelle, invece, a fette.

Fatene qualcuna sottile sottile e la utilizzeremo, a crudo, per guarnire il piatto.

Mettiamo in un tegame dell'olio evo, lo spicchi d'aglio in camicia e qualche ciuffo di rosmarino. Facciamo andare per insaporire l'olio e aggiungiamo i porcini.

Fiamma sostenuta,  e facciamo scottare i funghi senza cuocerli del tutto ma lasciandoli belli sodi.

Appena il brodo sarà pronto per essere utilizzato, versate il riso in un tegame capiente, ponete sul fuoco e procedete alla tostatura mescolando di continuo. Quando il riso inizierà a sprigionare un intenso odore di amido, vorrà dire che potrete passare alla cottura vera e propria.

 

Iniziate ad aggiungere il brodo in cui abbiamo reidratato i porcini secchi e andiamoci a prendere tutto il sapore concentrato che avranno rilasciato i funghi.

Facciamo assorbire il brodo, mescolando di continuo.

A questo punto, sfumate col vino rosso.

Una volta evaporato, continuate la cottura regolando la fiamma al minimo, con l'aggiunta di altro brodo vegetale. Procedete poco alla volta: aspettate sempre, prima di fare un'aggiunta di brodo, che il riso abbia assorbito quello precedente.

A metà cottura aggiungete i porcini trifolati, eliminando aglio e rosmarino, i funghi secchi tritati grossolanamente e continuate a cuocere aggiungendo altro brodo.

Una volta ultimata la cottura del riso, spegnete la fiamma e mantecate aggiungendo il burro e il Parmigiano. Regolate, se necessario, di sale.

Impiattate adagiando sul risotto qualche fetta di porcino crudo, qualche ciuffo di rosmarino, una macinata di pepe nero e...buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Cosa aspetti: commenta!!!

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder