logopdtlinearenewversion
logopdtlinearenewversion

Cookie Policy

Privacy Policy

Tutti i diritti relativi a testi e fotografie presenti su questo sito appartengono a www.prendiamocideltempo.it, nella persona di Vincenzo Schinella. E’ proibita la riproduzione, anche parziale, in ogni forma o mezzo, nonché la pubblicazione o la redistribuzione di testi, contenuti e fotografie senza esplicito permesso dell’autore. Copyright Prendiamoci del Tempo© 2018- 2020. Created by Vincenzo Schinella. All Rights Reserved.​

Zuppa di borlotti e sotizzu

14-01-2022 16:42

Prendiamoci del Tempo

Tradizionali, Tutto il resto, Piatti unici, Comfort food, prendiamoci del tempo, prendiamocideltempo, fagioli, zuppa, zuppa di legumi, calabria, slowcooking, borlotti, peperoncino, zuppa di fagioli,

Zuppa di borlotti e sotizzu

Quando io, calabrese, alla sera in inverno voglio farmi una coccola preparo una zuppa. Con i borlotti e il sotizzu. Stop.La caption, questa volta, la...

209borlottiesotizzu-1634314921.jpg

Quando io, calabrese, alla sera in inverno voglio farmi una coccola preparo una zuppa. Con i borlotti e il sotizzu. Stop.

La caption, questa volta, la potrei anche chiudere qui ché poi a parlar troppo si cade nel superfluo. Ma siccome sono logorroico, continuo.

Forse non vi ho mai raccontato della credenza di nonna: non ho avuto la fortuna di vederla ma i racconti di mamma e di zio Pino sono quanto di più vivido possiate immaginare.

La credenza, un tempo, serviva da dispensa: famosi, lo saprete, i dolci 'da dispensa' ossia le torte secche che possono esser conservate per giorni senza aiuto di frigoriferi.

Bene: ora scordatevele e immaginate al loro posto reste di salsicce secche, messe in credenza per esser consumate in modo parco e centellinato durante la stagione fredda. 

Ma parco e centellinato mal si associano ai periodi post bellici, in cui fame e scarsità di cibo erano la regola. E ancor meno si associano, parco e centellinato, a dei ragazzini che scorrazzano per casa in preda a fame 'di crescenza', ossia a quell'appetito insaziabile che ti pervade quando sei nell'età di passaggio tra infanzia e adolescenza.

Per inciso, io credo che a 43 anni suonati, sto ancora in quella fase, vista la fame perenne che ho ma, di questo, ne parleremo in separata sede!

Ecco: adesso fate due più due ed avrete il quattro che potrete impersonificare con mio zio che veniva puntualmente beccato a trafugare sotizza dalla credenza. Il doppio di quattro è otto e qui entra in scena nonna mentre gli correva appresso brandendo il 'manicu di la scupa' (si traduce da se!).

Per evitare, quindi, di ritrovarmi a randellare il mio di Moccuso, lo abituo sin da subito con la zuppa di borlotti e sotizzu e gli evito di andare in crisi di astinenza.


Il Piatto

Difficoltà: molto bassa

Metodo di Cottura: in slowcooking (o in pentola) e in tegame, sul fuoco

Tempo di Cottura: 4 ore

Dosi: per 4 persone

Costo: molto basso


Ingredienti

  • 400gr di fagioli borlotti
  • 1100ml di acqua
  • Mezza cipolla
  • Un gambo di sedano
  • 3 sotizzi non stagionati
  • Mezzo bicchiere di vino rosso
  • Olio EVO q.b.
  • Sale q.b.
  • Peperoncino piccante

Realizzazione

Sciaquate i fagioli sotto acqua corrente per lavarli da eventuali impurità residue. Se utilizzate fagioli secchi, lasciateli in ammollo almeno 10-12 ore prima di sciacquarli e cuocerli.

Per la cottura dei fagioli, io utilizzo la pentola slow cooking versando tutta l'acqua prevista in ricetta, i fagioli, un pizzico di sale e faccio andare per circa 3 ore e mezza.

Se non possedete la slowcooking, cuoecerete i vostri fagioli in un tegame (preferibilmente di coccio), a fiamma bassa per almeno 2ore e mezza.

In entrambi i casi vi do un consiglio: l'acqua che vi ho indicato, è una dose indicativa dal momento che diverse qualità di borlotti e i diversi metodi di cottura, porteranno ad un assorbimento/evaporazione diversi dell'acqua. Tenete da parte, semmai, un pentolino di acqua calda e aggiungetela all'occorrenza.

Ultimata la cottura dei borlotti procedete in questo modo.

Fate un trito grossolano con la cipolla, e il sedano 

Versate in una padella un generoso fondo di olio evo e fatevi appassire il trito sino ad imbiondirlo lievemente.

Aggiungete i sotizzi tagliati a rondelle e fateli saltare a fiamma media sino a cuocerli per bene. Sfumate con del vino rosso e fate evaporare.

Voi vi ricorderete di certo di trovarvi su un blog scritto da un psicopatico, vero!? Ecco. Le salsicce, io, me le faccio da me e c'ho anche scritto un post per spiegarvi come farle.

Alternative, io, non ne conosco. Voi, potete provare dal macellaio di fiducia.

Aggiungete, infine, i borlotti e procedete ad amalgamare per bene il tutto a fiamma alta.

Servite questa zuppa finendola con del peperoncino piccante a crudo, qualche pezzetto di pane abbrustolito e... buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Cosa aspetti: commenta!!!

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder