logopdtlinearenewversion
logopdtlinearenewversion

Cookie Policy

Privacy Policy

Tutti i diritti relativi a testi e fotografie presenti su questo sito appartengono a www.prendiamocideltempo.it, nella persona di Vincenzo Schinella. E’ proibita la riproduzione, anche parziale, in ogni forma o mezzo, nonché la pubblicazione o la redistribuzione di testi, contenuti e fotografie senza esplicito permesso dell’autore. Copyright Prendiamoci del Tempo© 2018- 2020. Created by Vincenzo Schinella. All Rights Reserved.​

Brioches col tuppo

15-06-2021 20:00

Prendiamoci del Tempo

Lievitati, Tradizionali, Dolci, piatti tradizionali, cucina, prendiamoci del tempo, prendiamocideltempo, piatti tipici regionali, sicilia, piatti siciliani, dolci, dolci semplici, brioches col tuppo, briosce col tuppo, dolci siciliani, brioscia col tuppo, dolci tipici, brioches e gelato, brioches e granita, colazione,

Brioches col tuppo

La 'brioscia' col tuppo: una delle poche gioie estive! Si, sono una persona orrenda: un componente mai apparso e sconosciuto della famiglia Addams! ...

104briochescoltupponew-1623776242.jpg

La 'brioscia' col tuppo: una delle poche gioie estive!
Si, sono una persona orrenda: un componente mai apparso e sconosciuto della famiglia Addams! La versione maschile di Maga Magò! Il fratello nascosto di Vlad Tepes!
Odio il caldo, la stagione estiva, quella sensazione di irrespirabilità dell'aria che ti circonda e ti incendia i polmoni; il mare mi irrita, sempre uguale a se stesso, noiosamente ciclico nei suoni e nelle movenze, foriero di pelli appiccicaticce e untuose.
Non continuo, solo per evitare una perdita verticale di followers.
Ma la brioches (o BRIOSCIA, come noi terroni amiamo chiamarla irridendo qualsiasi accento esterofilo!) mi riporta verso lidi (sic!) meno urticanti, riesce a placarmi anche nelle giornate del solleone estivo.
Chiudo con un racconto sospeso tra due terre, la Calabria e la Sicilia. Fino a quando ho vissuto sulla terra ferma, in Calabria, per me la brioscia era il contenitore di mezzo chilo di gelato sigillato con chiavature di panna montata. Sbarcato in Sicilia un decennio e più di tempo fa, invece, vengo a scoprire che su questa mobile placca africana veniva usata per accompagnare la granita, altra meraviglia dell'umanità.
Voi, ora, fatevi le briosce col tuppo seguendo la mia ricetta: nel frattempo, io, continuo a staccare i boccioli delle rose per preparare un bel centrotavola gotico e noir, con i soli steli.


Il Piatto

 

Difficoltà: media

Preparazione: 10-12h (per la lievitazione) 20-25minuti (per la cottura)

Cottura: In forno

Dosi: per circa 9 brioches

Costo: basso


Ingredienti

 

  • 2 uova intere
  • 80gr di zucchero
  • 500gr di farina (W250-270)
  • 180ml di latte intero
  • 80gr di burro
  • Un pizzico di sale
  • 6gr di lievito di birra (oppure 100gr di lievito madre)
  • Pasta d'arancia  (o aroma all'arancia)
  • Un tuorlo e del latte per spennellare prima di infornare

 


Realizzazione

 

L'impasto

Rompete le uova nella ciotola della planetaria e inserite la frusta per dolci (o in una ciotola capiente se utilizzate lo sbattitore elettrico) ed iniziate a montarle. Aggiungete man mano lo zucchero e continuate a lavorare il tutto sino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

Aggiungete a questo punto la pasta d'arancia o l'aroma all'arancia.

Sostituite, in caso di utilizzo della planetaria, la frusta per dolci con la quella da impasto di media consistenza (la 'foglia', per intenderci!): se avete utilizzato lo sbattitore elettrico, continuate a mano.

 

Iniziate ad inserire la farina, poco per volta, e aggiungetene altra solo dopo aver incorporato quella precedente. Continuate così sino a quanto il composto diventa molto denso.

A questo punto, dopo aver sciolto il lievito di birra (o il lievito madre) nel latte, alternate latte e farina e continuate a far lavorare la planetaria (o le vostre mani!!!).

Finito di inserire il latte, portate l'impasto ad incordatura per far sviluppare al meglio la maglia glutinica che poi vi porterà ad avere delle brioches soffici e ben alveolate!

Una volta incordato l'impasto, incorporate, poco per volta, il burro che avrete portato a temperatura ambiente. Aggiungete, infine, il sale.

 

Ponete l'impasto in una ciotola e ripiegatelo su se stesso per tre volte, una ogni venti minuti: dopodichè, formate una palla (tecnicamente parliamo di una pirlatura dell'impasto) e mettetelo a lievitare sino a quando raddoppierà il suo volume.

 

Formatura e cottura

Una volta raddoppiato il volume, procedete in questo modo.

Attrezzatevi di bilancia e staccate dall'impasto tante porzioni di 80gr. Ne ricaverete circa 9, con un avanzo di circa 120gr di impasto (che poi ci servirà per fare i tuppi!).

 

Fate delle sfere facendo ruotare l'impasto su un piano all'interno del palmo della mano e adagiatele su una leccarda da forno rivestita con della carta forno.

Mettete in forno, spento, a lievitare.

Quando vi accorgerete che l'impasto ha preso a lievitare e le vostre brioches hanno aumentato il loro volume, passate ad inserire i tuppi.

Dividete l'impasto rimanente in 9 porzioni (di circa 13 gr ciascuna) e fatene delle piccole palline: allargate con due dita il centro di ogni brioches formando una cavità ben pronunciata all'interno della quale adagerete il tuppo.

104brioches-col-uppob-1588269692.jpg

Mettete a rilievitare le brioches col tuppo per circa mezz'ora.

Nel frattempo accendete il forno in modalità statica a 180°C.

Spennellate le brioches con il tuorlo e qualche cucchiaio di latte e infornate per circa 20-25 minuti (fate sempre la prova stecchino per controllare la cottura al loro interno). Ora non vi resta che decidere come consumarle e...buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Cosa aspetti: commenta!!!

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder