LogoPdTLineareNEWVERSION
LogoPdTLineareNEWVERSION

Cookie Policy

Privacy Policy

Tutti i diritti relativi a testi e fotografie presenti su questo sito appartengono a www.prendiamocideltempo.it, nella persona di Vincenzo Schinella. E’ proibita la riproduzione, anche parziale, in ogni forma o mezzo, nonché la pubblicazione o la redistribuzione di testi, contenuti e fotografie senza esplicito permesso dell’autore. Copyright Prendiamoci del Tempo© 2018- 2020. Created by Vincenzo Schinella. All Rights Reserved.​

Brioches di Natale

22-12-2020 23:00

Prendiamoci del Tempo

Lievitati, Comfort food, Dolci, prendiamoci del tempo, prendiamocideltempo, lievitati, dolci semplici, lievitazione, lievitato glutinico, dolci natalizi, dolci di natale, brioches di natale, brioches, frutta secca,

Brioches di Natale

Mi ero ripromesso di farla da sempre e quest'anno ci sono riuscito! Una brioches tutta mia, che sapesse parlarmi in modo silenzioso ed aromatico delle serate...

181briochesnatalizia-1608568948.jpeg

Mi ero ripromesso di farla da sempre e quest'anno ci sono riuscito!

Una brioches tutta mia, che sapesse parlarmi in modo silenzioso ed aromatico delle serate trascorse ascoltando nonna o mamma canticchiare una qualche nenia natalizia.

Tra le tante, ve n'è una che conferisce ad una semplice noce, un potere quasi taumaturgico.

Si canta di una sorta di improbabile sfilata in cui appaiono, uno dopo l'altro, una schiera di personaggi come fossero pastori ad offrire i loro doni dinanzi alla capanna: tra di essi, una o uno in particolare (sono asessuati, parlano e basta!), reca con sé una sola noce e nell'offrirla raccomanda a Gesù Bambino di romperla e di mangiarla così non avrebbe più pianto per il tanto freddo.

Ovviamente, la mente di un adulto fa enormemente più pena di quella di un fanciullo: all'epoca mica mi sarei mai chiesto come diamine avrebbe mai potuto fare un neonato a rompere il guscio di una noce a mani nude!!! Ma, deviazioni adulte a parte, trovo sia davvero poetico il fatto che una semplice noce possa addirittura avere il potere di riparare dal freddo lenendo il pianto.

"Picciriju, bellu assai, jio na nuci ti portai: ti la ruppi e ti la mangi e di lu friddu cchjiù non ciangi"

Sarà per questo, anche, che la frutta secca ha un posto d'onore sulle tavole del periodo natalizio: è bello pensarlo, secondo me.

Ci ho messo dentro le noci, tante (che se una scalda, molte sono un divampare di fiamma, dico io!), ma anche la cannella col suo potere diaforetico, i pinoli, l'uvetta: con l'augurio che, questa mia brioches natalizia, possa scaldarvi il cuore.


Il Piatto

 

Difficoltà: media

Preparazione: 40 minuti (più 8-10 ore di lievitazione)

Cottura: in stampo, in forno

Dosi: per uno stampo da plumcake 30x10x10 cm

Costo: basso


Ingredienti

 

Per l'impasto

  • 400gr di farina tipo '00' di media forza (W260)
  • 1 tuorlo
  • 1 uovo intero
  • 60gr di zucchero
  • 125gr di latte intero
  • 36gr di acqua
  • Una bacca di vaniglia (o mezzo cucchiaino di estratto)
  • 85gr di burro
  • 4gr di lievito di birra (o 70gr di lievito madre)
  • Un pizzico di sale

 

Per farcire

  • Cannella q.b.
  • 50gr di burro
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • noci q.b.
  • pinoli q.b.
  • scorza di un'arancia
  • uvetta q.b.

Realizzazione

 

L'impasto

Iniziamo dai liquidi.

Mescolate assieme l'acqua, il latte, l'uovo intero più il tuorlo e scioglieteci dentro il lievito. Aiutatevi con una frusta da cucina, amalgamando bene il tutto ma senza montare. 

Introducete nella ciotola della planetaria la farina e lo zucchero. Se impastate a mano, fate questa operazione in una ciotola e poi trasferite il tutto sul piano di lavoro.

Versate quindi i liquidi nella farina, impastando: andate con circa il 90% dei liquidi e impastate sino ad incordatura.

Aggiungete, quindi, i liquidi rimanenti e continuate ad impastare tenendo la corda dell'impasto.

Ottenuto un impasto omogeneo ed incordato, unite il burro a pomata poco per volta: fate in modo che l'impasto assorba quello precedente prima di aggiungere il successivo.

Infine, prelevate i semi dalla bacca di vaniglia oppure usate mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia e aggiungetelo all'impasto assieme ad un pizzico di sale.

Se avrete impastato a mano, fate riposare per una mezz'ora l'impasto, coperto, su un piano di lavoro ed eseguite poi tre giri di pieghe ogni 30 minuti prima di procedere alla chiusura e alla lievitazione.

Se avete impastato con planetaria, potete tranquillamente farlo puntare 30 minuti su un piano di lavoro per poi pirlarlo e metterlo a lievitare in un contenitore ermetico attendendo che triplichi di volume ad un temperatura di circa 24-26°C.

La farcia

Lasciate il burro a temperetura ambiente e lavoratelo con la cannella e lo zucchero di canna. Aggiungete la scorza grattuggiata di un'arancia e fate riposare sino al momento della formatura della brioches.

La formatura e la cottura

Una volta triplicato di volume, rovesciate l'impasto su un piano di lavoro e dividetelo in tre parti uguali.

Formate dei panetti in modo veloce e stendeteli con le dite sino a formare deu rettangoli allungati, larghi circa 9cm e lunghi 15-20cm.

Spalmate sulla loro superficie i composto di burro e cannela e aggiungete secondo le uantità a vostro piacimento, la frutta secca: noci, pinoliuvetta. Arrotolate ogni singolo rettangolo ed adagiate tutte e tre le girelle nello stampo con il lato di 9cm per lungo e con le 'spirali' parallele al lato corto dello stampo.

Ponete in luogo privo di correnti e attendete che riprenda a lievitare: dovrete infornare quando la lievitazione sarà ancora sotto di un centimetro al bordo dello stampo.

Infornate in forno statico preriscaldato a 160°C per circa 30-40 minuti.

Una volta cotta, vi consiglio comunque di scaldarla lievemente prima di consumarla e.. buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Cosa aspetti: commenta!!!

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder